Novità Locazioni in Cedolare Secca

AFFITTI in cedolare secca: importanti novità per proroghe e risoluzioni

La Legge n. 225/2016 ha modificato l’art. 3, comma 3 del DLgs n. 23/2011, introducendo nuove regole per “La mancata presentazione della comunicazione relativa alla proroga del contratto, che ora, non comporta più la revoca dell’opzione esercitata in

sede di registrazione del contratto qualora il contribuente mantenga un comportamento coerente con la volontà di optare per il regime della cedolare secca, effettuando i relativi versamenti e dichiarando i redditi da cedolare secca nel relativo quadro della dichiarazione dei redditi”. Pertanto, qualora il locatore si dimenticasse di comunicare la proroga confermando il regime fiscale prescelto, non perde più in automatico la possibilità di utilizzare l'opzione già richiesta in antecedenza, sempre che mantenga un "comportamento" fiscale adeguato, come previsto dall'art. 3 D.Lgs 23/2011 modificato.

 

Anche le sanzioni sono state modificate (ridotte):

per la tardiva presentazione della proroga e/o della risoluzione anticipata sono state fissate in € 50,00 se l'adempimento viene eseguito con un ritardo fino a 30 giorni dalla naturale scadenza, od in € 100,00 per i ritardi superiori.

 

Ricordiamo ai clienti che siamo abilitati alla trasmissione Online degli adempimenti dei contratti di locazione (sia nel normale regime che in regime di cedolare secca) e che gli stessi DEVONO ESSERE sempre COMUNICATI all’Agenzia delle Entrate ENTRO 30 GIORNI per non incorrere appunto nelle sanzioni.

Chiedi un preventivo senza impegno

Lascia il tuo commento

Resta aggiornato!